Circolo Fotografico Scledense BFI

La palma

È un albero alto, colonnare, con la chioma che si sviluppa all’apice cosicché a terra il terreno è sgombro e ombreggiato. La palma da cocco cresce su terreni sabbiosi, è resistente a gran parte delle malattie.

I popoli che la coltivano hanno imparato a sfruttare tutto della palma, dal frutto, al suo latte, al tronco e le foglie.

In primo luogo hanno imparato a distinguere la palma maschile da quella femminile. È quest’ultima che dona una linfa che esce dal tronco, basta tagliare un’estremità dei rami e lentamente fuoriesce un liquido zuccherino.

Non è un’estrazione facile

Dato che i rami si trovano tutti alla sommità ovvero a un’altezza da suolo che varia tra gli 8 e i 40 metri, ovvero sono alte come palazzi di 3 fino a 13 piani.

Ed ecco che l’operaio congiunge le mani e prega prima di inerpicarsi lungo una stretta scala che lo conduce lassù.

la preghiera prima dell’arrampicata

Poi si arrampica, senza cintura, portando con sé un machete e due o tre ciotole di cotto. Si raccolgono le ciotole posizionate il giorno prima, ormai piene, si dà una spuntatina al ramo e si pongono nuove ciotole vuote che domani saranno di nuovo piene.

la raccolta della linfa

Il liquido è denso e zuccherino ed è la base di una serie di prodotti alimentari.

Nell’uso orientale le donne stanno sedute su bassi appoggi o accovacciate sui talloni, davanti a un pentolone scaldato da fuoco di legna, rimestando continuamente.

Nella cottura il liquido si addensa e diventa la base per produrre dolcetti, caramelle, per aggiungerlo a torte, …

La grappa

Il liquido si può far fermentare, lo zucchero si trasforma in alcool che viene distillato in grezzi pentoloni metallici posti su fornelli di mattoni alimentati da fuoco di legna.

distillazione della palma

L’olio

Se invece del lattice si raccolgono i semi, da questi si può ricavare un olio utilizzato per cuocere. Il procedimento è insieme ingegnoso e rudimentale.

Una tronco con foro conico, un palo che sostiene una piattaforma dove il peso è rappresentato dal conducente. E così i semi vengono frantumati, schiacciati ai bordi del cono mentre da un foro esce l’olio.

il frantoio dell’olio
manifattura di palma

Nulla si butta

Nel mondo di un tempo non si buttava via nulla e così il tronco serve per il legname, dalla corteccia si ricavano dei fogli utili per tetti, paraventi o pareti o perfino intrecci a forma di origami.

tetto di palma
parete con fibre di palma intrecciate
origami di fogli ricavati dalla corteccia di palma

Il maschio di palma

In tutto questo abbiamo dimenticato l’esemplare maschile della palma; non dà zucchero, non serve a fare la grappa, non si può mangiare.

Viene utilizzato il legno, le fibre e… le sue foglie servono a confezionare sigari dove viene avvolto un insieme foglie di tabacco caffé ed erbe varie. Un sigaro meno pregiato di quello del tabacco, ma poco costoso e sembra che sia apprezzato anche dalle donne.


Testo e foto di Renzo Priante

Le foto sono state scattate in Myanmar

Informazioni su cfschio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 25/09/2020 da in Gallerie con tag , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: