Circolo Fotografico Scledense BFI

Nebbie

Nebbia o fumo? Saliva da terra o scendeva dal cielo? Non si poteva dire: era piuttosto una malattia dell’aria che una scesa o un’emanazione. A volte sembrava più una malattia degli occhi che una realtà della natura.

Fernando Pessoa

Quando l’umidità dell’aria si condensa e da aerosol diventa goccioline ecco che l’azzurro del cielo diventa improvvisamente bianco e si raggruppa in forme che il vento sfilaccia o raduna e spinge lontano. Vediamo allora le nuvole passare da un orizzonte all’altro, lente, in forme che evolvono man mano che l’occhio le osserva.

Guardare le nuvole è un piacere infantile, ma non ci abbandona a nessuna età se solo ritagliamo un po’ di tempo per noi stessi.

Se si forma a terra la nuvola diventa nebbia, una cappa indistinta che in città avvolge tutte le cose e isola le persone. “La nebbia appare come conforto del solitario. Essa colma l’abisso che lo circonda“, diceva Walter Benjamin.

In montagna

C’è un luogo dove la nebbia diventa affascinante ed è la montagna. Adagiata in basso, la nebbia lascia emergere le vette creando una cornice perfetta alle nostre foto.

Adagiandosi nelle valli e risparmiando i pendii più alti la nebbia dà profondità al paesaggio e crea infiniti piani che si succedono fino all’orizzonte.

Gli alberi emergono e la nebbia nasconde la trama sottile del bosco

La nebbia è capricciosa, avvolge tutto e poi si dirada radunandosi ora ora qui ora lì. Bisogna aver pazienza ed attendere che si disponga attorno agli oggetti che vogliamo fotografare finché … il campanile non rimarrà isolato, protagonista della scena.

Nel quattrocento fiorentino

… gli artisti scoprirono il modo di rappresentare, sulla superficie della tela, la profondità. Si utilizzava una costruzione geometrica rigorosa ed efficace fatta di punti di fuga e linee inclinate. Fu il grande Leonardo da Vinci che si accorse che la profondità si poteva rappresentare anche in un altro modo: sfumando gli oggetti in base alla profondità. La chiamò “prospettiva aerea

Perfino la città sembra più bella avvolta dalla nebbia.


Fotografie di Arduino Garbin

Informazioni su cfschio

Un commento su “Nebbie

  1. Pingback: Monti e nebbie | Circolo Fotografico Scledense BFI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 10/09/2020 da in Gallerie con tag , , .

Statistiche del blog

  • 115.960 hits
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: