Circolo Fotografico Scledense BFI

Funerale in val Sarentino

Il mistero della morte ha sempre affascinato l’uomo. Sembra sia insito nell’uomo il rispetto per la morte e il tentativo di capire cosa succeda dopo. La morte era un viaggio per gli egizi e ad accompagnare il defunto servivano cibi e ricchezze.

Campagna Funerale 01 (22).jpg

Ulisse, temerario come sempre, vuole varcare la soglia del mondo dei morti. Salpa verso l’Oceano, che circonda la terra con un cerchio di acque e non ha né sorgente, né foce, anzi rifluisce eternamente su se stesso. Dopo aver attraversato la misteriosa terra dei Cimmeri, perennemente avvolta nell’ombra e nella nebbia, sulla sponda dell’Oceano Ulisse compie il rito dei morti, sacrificando vittime nere e difendendone il sangue dalle ombre che gli si affollano intorno: esse potranno bere il sangue sacrificale solo dopo che Tiresia avrà fatto la sua predizione.

Campagna Funerale 01 (23).jpg

Ancora oggi il funerale è un rito collettivo e fa riferimento alla metafora del viaggio: terminato il rito un corteo accompagna a piedi il defunto nel primo tratto suo viaggio fino al commiato con la consegna del corpo alla terra.

Campagna Funerale 01 (24).jpg

San Martino di val Sarentino

È qui che Roberto si è trovato un quarto di secolo fa. Su questi monti dove oggi sembrano esservi solo pista da sci con il suo contorno di coloriti ospiti di tutte le nazionalità, un tempo c’erano campi coltivati e agricoltura povera di montagna.

Campagna Funerale 01 (25).jpg

Il giorno del funerale la gente si è messa neri vestiti da festa, ha raccolto fiori e foto del defunto. Una piccola banda ha fatto da accompagnamento musicale.

Campagna Funerale 01 (26).jpg

Il rito in chiesa e poi la bara portata a turno mentre la banda suonava. Poi l’arrivo al cimitero a fianco della chiesa e in centro al paese. Qui l’editto napoleonico di Saint Cloud che imponeva la costruzione dei cimiteri ad una distanza minima di 200 m dalle case non è mai arrivato.

Il rito è documentato con foto in bianco e nero anche queste antiche, scattate con macchina a pellicola e poi sviluppate in garage con lampade gialloverdi e acidi.

Campagna Funerale 01 (27)

Campagna Funerale 01 (28)

Campagna Funerale 01 (29)

Fotografie di Roberto Campagna

 

Informazioni su cfschio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 01/03/2020 da in Gallerie con tag , , .

Statistiche del blog

  • 102.674 hits
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: