Circolo Fotografico Scledense BFI

Graffiti napoletani

Horror vacui

La natura aborrisce il vuoto” così sosteneva Aristotele in opposizione alla fisica degli atomisti. Aveva torto, ma l’abbiamo scoperto solo quando abbiamo potuto avere un telescopio  e scrutare lo spazio attorno alla terra dove immense e gelide distanze intercorrono tra un corpo celeste e l’altro.

Arte e decorazione

arabescoIl concetto dalla fisica è stato trasportato nell’arte e contrassegna quelle opere d’arte dove lo spazio viene riempito ossessivamente senza quasi che si intravveda lo sfondo. Lo riconosciamo negli arabeschi che caratterizzano  tessuti, tappeti e ceramiche di gusto islamico.

Vi sono stati pittori come il Tintoretto che aborriscono il vuoto e nella loro pratica artistica riempiono i loro quadri di personaggi lasciando pochissimo spazio per il paesaggio, per la scena.

Tintoretto-2675.jpg

Tintoretto: Crocifissione presso la Scuola grande di San Rocco

Caos napoletano

Vi è poi un altro tipo di “pieno” quello riempito di cose difformi accumulate per caso un po’ come succede nei bazar, nei negozi degli antiquari dove le cose da mostrare sembrano superare la capacità dello spazio e ovunque si intravvede qualcosa con accostamenti bizzarri e insoliti inconsciamente surrealisti.

Tomiello Graffiti_5827.JPG

Così Paolo, a spasso per Napoli, si è fatto prendere dalla fascinazione del caos che l’anarchia napoletana ha dipinto ed è sotto gli occhi di tutti.

Tomiello Graffiti_7875.JPG

In questo caos talvolta si intravvede un “ordine” una simmetria, un accostamento involontario di colori o forme che attira l’attenzione degli occhi più esercitati.

Come nei dipinti di Pollock con uno sguardo attento si possono riconoscere forme simmetrie e regole nell’accatastarsi delle strisce di colore stese senza pennello; così nel caos di cassonetti, regolarmente imbrattati, scritte d’amore o di morte, vandalismi si possono riconoscere simmetrie para-artistiche.

Tomiello Graffiti_6112Tomiello Graffiti_7598

È affascinante soprattutto il concetto: che dal caos, dal degrado, dalla maleducazione, dal disordine all’improvviso nasca qualcosa che, non si capisce come, prelude all’arte.

Tomiello Graffiti_7935.JPG

Scarpe, scarpe vere appese davanti a un muro?

Tomiello Graffiti_8511.JPG

Tomiello Graffiti_8557

Santi e pupazziTomiello Graffiti_8540Tomiello Graffiti_8546Tomiello Graffiti_8547

 

Bigliettini amorosi, ma siamo sicuri che il messaggio abbia raggiunto il bersaglio?Tomiello Graffiti_8550

Aggiungere aggiungere senza mai togliere e così i messaggi si contraddicono basta entrare, ma forse meglio bussare e se nessuno risponde forse è chiuso ma anche in questo caso vi è ancora speranza.

Tomiello Graffiti_8556

Un graffio su un muro è uno sfregio immediatamente riconoscibile e condannabile, ma se gli sfregi sono centomila?Tomiello Graffiti_8572

Fotografie di Paolo Tomiello


A chi fosse interessato all’arte astratta di Pollock potrà essere da guida un breve video visibile QUI.

Informazioni su cfschio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 15/02/2020 da in Gallerie con tag , , , .

Statistiche del blog

  • 104.114 hits
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: