Circolo Fotografico Scledense BFI

L’ultimo allevatore

Fin da piccolo volevo lavorare i campi – dice Carlo – invece mio padre mi ha mandato in fabbrica come mio fratello più grande e come lui stesso”. Poi anche la fabbrica gli è diventata stretta e così intrapreso un altro mestiere, quello del muratore che gli ha permesso di stare all’aria aperta.
Mano mano che si avvicinava alla pensione emergeva forte l’antico desiderio, quello che da giovane non aveva potuto soddisfare.
Ha cominciato a comprare campi in pianura e sul Monte Summano. I sabati e le domeniche erano dedicati a preparare il terreno, andare a vedere qualche vacca e già che c’era comprarne qualcuna.
Al momento della pensione era pronto: poteva fare il contadino così è nata questa piccola attività.

Inverno

Una tettoia ricavata con mezzi di fortuna in pianura, niente porte o finestre solo un telo tanto le vacche si tengono caldo lo stesso.

Priante Allevatore 04 DSC_4628.jpg

Oggi Carlo si deve muovere con il bastone, anca e ginocchio non gli lasciano scampo. “Ho avuto fortuna ho trovato un giovane che vuol fare il contadino e così un po’ alla volta l’ho coinvolto in parte del lavoro”.

Priante Allevatore 10 DSC_4577.jpg

D’inverno le vacchie stanno dentro la stalla e richiedono un’attenzione quotidiana. Ogni giorno bisogna provvedere l’acqua, il fieno, la farina, talvolta l’avena.

Priante Allevatore 15 DSC_4575.jpg

Priante Allevatore 23 DSC_4648.jpg

Qualche vacca ha figliato e il primo latte va raccolto, è denso, pieno di grumi: non lo bevono gli umani, ma i vitelli si.

Priante Allevatore 30 DSC_6170.jpg

Priante Allevatore 32 DSC_6182.jpg

Primavera

Quando le giornate si allungano le mucche mettono fuori il capo, sentono l’aria più calda e quando finalmente escono dal recinto, saltano letteralmente tanta è la voglia di muoversi.Priante Allevatore 34 DSC_6189.jpg

Priante Allevatore 36 DSC_6226.jpg

La transumanza

Con l’arrivo dell’estate è il momento di cambiare dimora e anche alimentazione. Basta con il fieno secco, è il momento di andare in montagna ma di salire sul carro le bestie non ne hanno proprio voglia.

Priante Allevatore 42 DSC_6403.jpg

Priante Allevatore 48 DSC_6453.jpg

Ed ecco il momento della transumanza verso il monte Summano.

Priante Allevatore 50 DSC_6467.jpg

Campigolo

Campìgolo è una delle più belle località del monte Summano. Questo monte cinquant’anni fa era brullo, tutti andavano sul monte a raccogliere legna per la fornella o cucina economica, a fare erba per i conigli, perfino a piantare uva frumento e mais.

Poi la gente se n’è andata in fabbrica, la montagna è stata abbandonata e sui pendii del monte è cresciuta una foresta. Una delle poche zone di pascolo è qui dove Carlo porta le sue bestie.

Priante Allevatore 54 DSC_6963-2.jpg

Priante Allevatore 63 DSC_6980-2.jpg

Il terreno in montagna, a Campigolo, è stato disboscato, gli alberi tagliati lasciando solo qualche faggio maestoso e un paio di betulle. Nel punto più basso bisognava ricavare un laghetto ottenuto con i vecchi metodi: un fondo impermeabilizzato fatto di foglie di faggio e fango e tenuto efficiente dal continuo calpestio delle bestie che vanno a bere. Appena spariranno le mucche un po’ alla volta i fondo diventerà meno compatto e un po’ alla volta sparirà in modo del tutto naturale.

Campigolo campi di Ballico
Il caldo spossa le vacche e, nonostante i fiori saporiti, preferiscono oziare al riparo del sole.

Priante Allevatore 64 DSC_7286.jpg

Priante Allevatore 66 DSC_7024-2.jpg

Bisogna spingerle fuori per rinnovare la lettiera, uno scatto e poi si muovono tutte assieme.

Priante Allevatore 68 DSC_7289.jpg

Priante Allevatore 72 DSC_7029.jpg

Priante Allevatore 80 DSC_7305.jpg


Il portafoglio che ho preparato ha seguito il lavoro di Carlo e di Marco attraverso tre stagioni: dall’inverno all’estate inoltrata. Ho cercato di cogliere il rapporto intimo e affettuoso tra Carlo e le “sue” vacche, la dedizione di Marco al lavoro, l’indifferente lentezza che accompagna gli animali attraverso le stagioni.

Priante Allevatore 06 DSC_4565.jpg
L’attività di Carlo, ultimo custode del monte Summano, restituisce a un monte ormai completamente rimboscato una porzione degli antichi paesaggi quando l’alpeggio non era così raro come oggi. Questo monte oggi interamente dedicato all’escursionismo contiene, finché dura, una piccola porzione degli antichi lavori. Questo mi interessava testimoniare.

Il portfolio ha partecipato alla mostra Il lavoro dell’uomo.


Testo e foto di Renzo Priante

Informazioni su cfschio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 18/01/2020 da in Gallerie con tag , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: