Circolo Fotografico Scledense BFI

Fotografare le ombre

Tutti ricordano quando, da piccoli, spegnendo la luce e tenendo accesa solo un abat-jour, due mani creavano un mondo fantastico fatto di animaletti teneri o terrorizzanti.

Così si prendeva coscienza che le ombre deformano la realtà e sembrano costruirne una alternativa. Questo gioco della nostra mente è stato utilizzato per rappresentazioni, spettacoli e la sua origine si fa risalire nell’estremo oriente in quel gruppo di paesi che ruotano attorno a Cina, Cambogia e che solo con i turchi sono arrivate in Europa. (http://www.eticamente.net/34412/ombre-cinesi.html).

Giocare con le ombre

Ed è così che, con un paio di semplici torce uno sfondo neutro e degli oggetti di vita quotidiana, le cose si trasformano e possono essere utilizzate anche per fotografie.

Al vetro spuntano le ali.

Le forme si distorcono.

Gli oggetti sembrano danzare

Un semplice colapasta proietta le luci che ricordano i rosoni di una cattedrale.

Fotografie di Paolo Bicego

Le foto sono state esposte nella mostra Kalòs kai Agathòs

Annunci

Un commento su “Fotografare le ombre

  1. Sunil Deepak
    07/12/2018

    Belle immagini, piene di fantasia e soggezione

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 06/12/2018 da in Eventi CFS con tag , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: