Circolo Fotografico Scledense BFI

Butterfly

Madame Butterfly senza un soprano, un tenore, anzi senza neppure un canto.

Così il maestro Fabrio Sartorelli ha presentato l’opera di Puccini. Con una conversazione che univa recitazione, brani al pianoforte, visione di filmati e foto d’epoca, Sartorelli, che come ha sottolineato è nato lo stesso giorno di Giacomo Puccini 105 anni dopo, ha intrattenuto il pubblico del teatro civico di Schio in una piacevolissima rappresentazione.

Priante civico-6156.jpg

 

Ha illustrato l’origine della fascinazione per il Giappone in quel cambio tra il secolo XIX e XX nel quale quel paese ha rotto un’isolamento di secoli rivelando non terre selvagge e semi disabitate, ma una cultura avanzatissima e riti che non avevano nessun legame con la cultura occidentale.

Però del Giappone nulla sapevano in Europa e in America. Puccini prende brani di musica giapponese e li utilizza pensando si tratti di drammi, quando nella lingua originale erano poco più di un elenco dei prodotti dell’orto.

Priante civico-6143.jpg

Priante civico-6139.jpg

Però quell’ambiente, raggiunto finalmente da navi occidentali si presta ad ambientare storie che si basano sugli esotici ed originali costumi di laggiù. In ogni porto fioriscono i bordelli, conforto perenne dei marinai obbligati a stare a lungo in nave. Non in Giappone dove la prostituzione è vietata e sostituita ipocritamente da un matrimonio a tempo che, come la prostituzione, prevede un pagamento in denaro.

Priante civico-6144.jpg

Una “moglie in affitto” è anche Butterfly, giovane adolscente che ha il torto di essere ingenua, di non capire la finzione e di innamorarsi di suo marito, di quel marinaio Pinkerton che l’ha “presa in affitto”.

Priante civico-6161.jpg

Priante civico-6171.jpgPriante civico-6170.jpg

Questo il dramma raccontato in “Madame Butterfly” di Giacomo Puccini. L’opera divenne famosissima e anche il suo autore tanto che Puccini, volendo acquistare una barca, la ottenne gratis solo in cambio di autografi.

Si comprò automobili, le prime, che gli davano il brivido della velocità “fino a 45 km all’ora”; ne acquistò 12.

Priante civico-6151.jpg

Priante civico-6164.jpg

Priante civico-6166.jpg

Priante civico-6179.jpg

Pomeriggio piacevolissimo, come detto, tenutosi al Teatro Civico di Schio il 1° ottobre scorso organizzato dal

Centro Culturale Elia Dalla Costa

dedicato al cardinale che fu anche arciprete di Schio durante la prima Guerra Mondiale.

 

Priante civico-6128.jpg

Gli incontri organizzati dal Centro Culturale proseguiranno con temi più impegnati che riguardano

  • il rapporto tra biotecnologie e medicina il 12 ottobre prossimo
  • il difficile equilibrio tra europeismo e nazionalismi – 19 ottobre
  • la rigenerazione di corpo e mente – 26 ottobre

autunno2017.jpg

 

Vedi anche: http://www.centroculturadallacosta.it/#


Fotografie di Renzo Priante

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: