Circolo Fotografico Scledense BFI

Rievocazione

Spadaccini che si sfidano a duello, colubrine in bella posa, rapaci che si alzano in volo al fischio del falconiere … E poi ancora centinaia di comparse in divisa, un corteo con cavalli e vecchi carretti, abili sbandieratori che mostrano la loro abilità al ritmo veloce dei tamburi e al suono chiassoso delle chiarine (le lunghe trombe medievali).

Rievocazione-4512.jpg

Infine una lunga e complessa rappresentazione di un passato che risale ai secoli che vanno dal XV al XVIII.

Rievocazione-4694.jpg

Uno spettacolo

Poco conosciuta fuori dei confini comunali, la Rievocazione Storica di Piovene Rocchette merita un po’ di attenzione da parte degli appassionati.

Rievocazione-4703.jpg

Si tratta infattti di una rievocazione particolarmente lunga e articolata. Niente mercatini o cose simili, è possibile sì degustare prodotti locali, ma è una manifestazione che si snoda lungo un arco temporale abbastanza lungo, 6-8 ore durante le quali è difficile annoiarsi.

La Rappresentazione vera e propria poi si snoda avanti e indietro lungo quella era nota come Riva dei Frati e che oggi è più conosciuta come Birreria Vecchia. Gli spettatori si distribuiscono lungo il percorso e si trovano letteralmente al centro dell’azione che si svolge tutto attorno a loro con la presenza di circa 200 personaggi in costume.

Le vicende

La storia narrata si svolge nella piccola comunità di Piovene, poche centinaia di persone nel 1452 quando qui arrivano i frati Girolimini. Il Summano è meta di pellegrinaggi da tempi pre cristiani. Vi giungono genti da lontano (sono state trovate monete di terre lontane già ai tempi dell’impero romano) e vi salgono dalle 4 strade orientate come i punti cardinali: da Piovene, Santorso, Schio e Velo d’Astico, partendo da est e finendo a nord.

I Frati Girolimini ampliano l’ospizio sulla cima del monte Summano e costruiscono un ospizio/ostello a Piovene. Vi giungono pellegrini accompagnati da capre o asini, si fermano all’Ospizio e poi intraprendono la strada per arrivare alla cima del monte. Il monte diventa frequentato e alcune giornate si intrecciano 2-3000 persone.

La storia narra di questa popolazione sconvolta dall’arrivo della peste, annunciata da un nero messaggero con la falce.

Rievocazione-4806.jpg

Continua la vicenda mostrando una popolazione piegata dal morbo che reagisce nell’unico modo che conosce: facendo un voto alla madonna.

La peste è difficile da debellare, il morbo arriva portato dai soldati sbandati dopo lo scontro con i lanzichenecchi (quelli del Manzoni). Apparentemente sconfitta pochi decenni dopo viene portata da mercanti, nel XVIII secolo colpì prima l’altopiano dei 7 comuni e alle pendici del Costo vennero posti dei “rastelli” ovvero posti di blocco che facessero passare solo coloro che avessero un certificato medico,. Eppure la peste tornava sempre come una maledizione, chi sa come. Bisognerà attendere il secolo XIX per scoprire che la peste è portata dalle pulci dei ratti e solo allora sarà possibile sconfiggerla.

Rievocazione-4818.jpg

Fotografi

La rievocazione è un boccone ghiotto per un fotografo, man mano che i figuranti in costume arrivano sono a disposizione, già truccati con vestiti di broccato o tracce di sangue e bubboni dipinti. Portano con sé antichi attrezzi (carretti, sedie impagliate, cesti intrecciati, mute di cani, capre e asini), alcuni sono a cavallo, altri esibiscono i loro rapaci.

Rievocazione-4546.jpg

Rievocazione-4563.jpg

Il carretto dei bambini appestati è sempre suggestivo, come pure i nobili preceduti dai loro gonfaloni e seguiti dai falconieri.

Rievocazione-4672.jpg

 

Rievocazione-4766.jpg

La rievocazione vera e propria si svolge col buio, vi sono numerosi fari orientabili che spostano l’attenzione ora qui ora là. La luce cambia in continuazione. Occorre avere una macchina che accetti una sensibilità molto alta. Poi c’è il problema dei colori, i fari a LED cambiano continuamente la tinta della scena. Sarà possibile decidere se si accettano i colori cangianti ora rossi, ora viola, blu, verde oppure uniformare il tutto trasformando le foto in bianco e nero come abbiamo fatto noi.

Rievocazione-5120.jpg

RievocazioneRievocazioneRievocazioneRievocazioneRievocazione

Vi interessava e avete perso l’occasione di venire?

Nessun problema, prendete nota: il prossimo appuntamento è il primo sabato di luglio del 2019, la rievocazione si tiene negli anni dispari.


Foto di Renzo Priante

Annunci

Un commento su “Rievocazione

  1. Sunil Deepak
    08/07/2017

    Molto bello! Grazie

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 08/07/2017 da in Eventi esterni con tag , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: