Circolo Fotografico Scledense BFI

Ai confini del paesaggio

Osservare ai limiti della propria mente, con sguardo assorto e la mente sgombra, la linea lontana dell’orizzonte, cercando il momento in cui la luce cambia la percezione di quello che ci circonda, vuoi perché è appena piovuto e la luce appare e scompare gettando chiazze chiare e scure sulle cose, vuoi perché la luce è bassa tagliente e sembra esplorare il mondo illuminandolo qui e la.

Le figure sono silouhettes, presenze astratte in un mondo di luce ed ombra.

Tomiello Cielo mare 016.JPG

lino-sartore-mare-terra-43

Nelle ore più chiare i colori sono puri dati ad acquarello spremendoli da due soli tubetti.

Colombo cielo terra 002.JPG

Nelle ore di confine i colori combattono con l’ombra.

Garbin albebss tr0008.JPG

Talvolta prevale l’astrazione, l’infinito e mutevole succedersi di onde appare come un disegno.

santamaria-mare6

santamaria-spazi-confine-mare

Si volgi il tuo sguardo a terra, ti accorgi come il lavoro dell’uomo “pettina” il suolo e il paesaggio diventa un quadro.

tomiello-terra-terra_135santamaria-terra_0553bsantamaria-terra_0302btomiello-spazi-di-confine-terra-img_122Spazi di confine

Le foto illustrate in questo articolo sono un piccolo campionario di quelle esposte a Palazzo Fogazzaro di Schio. La mostra è già stata presentata qui: Spazi di confine.

Prendiamo dalla presentazione il seguente testo

SPAZI E LINEE DI CONFINE NELLA FOTOGRAFIA DI PAESAGGIO

Talvolta, nella fotografia di paesaggio, “spazi e linee di confine” giocano un ruolo fondamentale nella costruzione dell’immagine, sia dal punto di vista grafico che cromatico. Stiamo parlando delle cosiddette “foto astratte”, dove la componente estetica a base grafica risulta predominante rispetto a quella descrittiva. Questo tipo di fotografia si può realizzare pressoché in tutti gli ambienti, siano essi di terra, d’acqua o d’aria, purché si rispettino determinati parametri: poche linee guida facilmente individuabili e spazi cromatici nettamente definiti. Come dice il grande fotografo Franco Fontana “in fotografia meno c’è, più c’è”. Questi parametri risultano fondamentali, in termini di “significato”, anche se l’ambiente ripreso risulta più descrittivo.

In questa sezione della rassegna, dedicata esclusivamente al paesaggio naturale, abbiamo individuato delle specifiche tematiche che potessero rendere immediato il concetto di “confine”, accoppiando due ambienti distinti (cielo-terra, cielo-mare, mare-terra), oppure ricercando lo stesso concetto all’interno di un unico ambiente (terra-terra).

Ricordiamo che la mostra rimarrà aperta tutto il mese di novembre con i seguenti orari:

Sabato e domenica ore 10:00-12:30 16:00-19:30.

Alla mostra è esposta anche una foto originale di Franco Fontana, maestro in questo tipo di foto.

inaugurazione-mostra-cfs-1


Le foto presenti in questa sezione sono di

  • Paolo Tomiello
  • Giuseppe Santamaria
  • Alessandro Colombo
  • Lino Sartore
  • Arduino Garbin
Annunci

Un commento su “Ai confini del paesaggio

  1. Dr Sunil Deepak
    11/11/2016

    Belle le immagini. Mi dispiace non poter visitare la mostra!

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: