Circolo Fotografico Scledense BFI

Crete senesi

C’è un territorio a sud di Siena dove il paesaggio è una serie infinita di colli. Se si riesce ad evitare le zone industriali a ridosso dei paesi e si va a zonzo per la via Cassia, deviando poi per qualche strada di campagna, si colgono paesaggi che lasciano senza fiato.

ampe (1).jpg

Viene la voglia di scendere dall’auto (o dalla bici se siete più sportivi) e scattare, ma non sempre la foto riesce a rendere l’emozione che si prova. Le foto possono sembrare piatte e quell’ampia sequenza di colli si perde.

Qual è il segreto? Ce lo dice Ampelio:

“Il segreto è l’ora. Bisogna alzarsi prima che sorga il sole, mettersi in macchina anche senza caffé con un biscotto in mano e, con i fari accesi, mettersi a girare per la campagna guardandosi intorno, cercando la direzione da cui proviene quella luminosità fioca che annuncia l’aurora, poi individuare qualche soggetto: un cascinale, un filare o anche solo una serie di solchi che incidono il terreno”

ampe (2).jpg

Certe volte bisogna girare attorno al goggetto e provare a riprenderlo dalla parte in ombra.

ampe (3).jpg

Il terreno è segnato da piccoli solchi e rugosità, il profilo di colli lontani disegna un paesaggio lontano.

ampe (7).jpg

E’ la differenza tra parti in ombra e parti in luce che dà il senso della profondità.ampe (8).jpg

Se poi siete fortunati a incappare in po’ di nebbia il paesaggio si dilata e sembra ancora più profondo.

ampe (9).jpg

Talvolta è il buio, più ancora della luce, che colpisce l’osservatore.

ampe (13).jpg

ampe (10).jpg

Poi, quando il sole comincia a salire, i campi e le case sono illuminati, ma i profili sono netti e ben incisi

 

ampe (16).jpg

ampe (17).jpg

Fotografare non è un lavoro da fare di fretta. Occorre tornare più giorni nello stesso posto rivedere le stesse cose del giorno prima sotto una luce diversa. Se siete fortunati, davanti a un cielo minaccioso compare l’arcobaleno.

ampe (18)

Se non ce la fate a svegliarvi all’alba, potete uscire al pomeriggio e, rinunciando per una volta all’happy hour, aspettare il tramonto.

ampe (19).jpg

ampe.jpg


Queste foto sono state scattate da Ampelio Pellattiero nel 2012 nel corso di due “safari fotografici” coinvolgendo moglie e amici in errabondi giri  nelle campagne toscane, senza soste o pausa caffé, dalle 5 alle 9 del mattino e dalle 17 alle 21 quando, per evitare un linciaggio, dava il via libero per la cena.


Racconta di sé Ampelio Pellattiero

Fotografo dal 1980/90 circa, oramai non mi ricordo più gli inizi, prima in diapositiva con LEICA e poi in digitale con CANON. Non sono molto attaccato ai concorsi, anzi preferisco le mostre o le proiezioni.

Faccio parte da molti anni del CIRCOLO FOTOGRAFICO SCLEDENSE al quale sono molto attaccato e da circa 10 anni seguo il FOTOCLUB di CALDOGNO, del quale sono presidente, ove cerco di fare gruppo e crescere nella fotografia.

Annunci

Un commento su “Crete senesi

  1. Pingback: Macrofotografia: consigli di scatto | Circolo Fotografico Scledense BFI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 18/12/2015 da in Gallerie con tag , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: