Circolo Fotografico Scledense BFI

Vetri infranti

Una vecchia fabbrica abbandonata è un’occasione ghiotta per un fotografo.

Le tracce dell’uomo e l’assenza dell’uomo stesso esercitano un fascino come tutte le cose vissute e dimenticate, stravolte dall’abbandono, ma che recano ancora in sé le tracce del passato.

I macchinari, gli utensili, le scritte, i calendari di anni trascorsi da tempo (“cosa stavo facendo io in quell’anno?”), appaiono carichi di vita eppure svuotati della vita stessa.

In questa contemplazione il fotografo si aggira, sceglie un oggetto, aspetta la luce giusta, posiziona il cavalletto e comincia a scattare cercando come trasmettere quella sensazione strana che lo sta invadendo.

Così ha fatto Giuseppe oltrepassando, una mattina di qualche anno fa, i portoni aperti della vecchia Lanerossi di Schio. Si è inoltrato tra erbacce e calcinacci andando a esplorare la meraviglia di quelle rovine.

Santamariaa014Santamariaba010Una vetrata in particolare ha attirato l’attenzione di Giuseppe, quella maglia di linee regolari attraversate da linee casuali, come un’erbaccia, pezzi di vetro sopravvissuti a fiondate, ragnatele che disegnano bellissime filigrane.

La luce è netta, l’obiettivo è aperto. Gli oggetti sono fortemente illuminati contro lo sfondo scuro, il bianco e nero smaterializza l’immagine la riduce a semplice grafica.

Santamariaa051Santamaria053Il gioco diventa intrigante, quelli non sono più oggetti concreti della vita reale, sono forme astratte, pura geometria e lo sguardo insegue la struttura di quei quadrati. Come ogni grafico sa, il quadrato ha una sua struttura, ha linee di forza che dirigono lo sguardo verso diagonali e mediane.

L’analisi della struttura del campo geometrico intuitivo ci permette di attuare tutta una serie di composizioni e di articolazioni spaziali all’interno del campo senza menomarne la struttura. Ci accorgeremo anzi che quanto più manterremo integra la struttura del campo … tanto più molteplici e ricche di sviluppo saranno le soluzioni (A. Marcolli, Teoria del campo, Sansoni, Firenze 1977 pag 33).

Struttura del quadrato

Santamaria050Talvolta invece prevale il rapporto  il rapporto figura sfondo. Le parti chiare (o le parti scure) si associano ad oggetti familiari e creano associazioni che poi facciamo fatica a cancellare.

Una volta che l’avete riconosciute, provate a ignorare i due volti simmetrici della figura sotto a destra, sarà difficilissimo non rivederli ogni volta.

E’ un fenomeno già studiato,agli inizi del ‘900, dalla Gestaltpsychologie. Si veda

figura sfondoCosì, improvvisamente, tra i vetri spuntano le montagne

Santamaria001b… oppure gli uccelli

Santamariaa005

E’ un buon esercizio, per chi vuole fotografare, rinunciare ai paesaggi, alle persone, alle strade e soffermarsi, per un po’, sulla pura e semplice grafica.

Santamaria038Santamaria012Santamaria048


Giuseppe Santamaria Palombo nasce nell’alto vicentino e precisamente a Thiene nel 1960. Il suo interesse per la fotografia sboccia all’età di quindici anni. Nel 1978 si iscrive al circolo fotografico di Thiene. Nel 1983 inizia la professione di fotografo a Vicenza dove lavora fino al 1987 quando apre lo studio, che gestisce tutt’ora, a Thiene: “Photoidea”.

Dopo l’importante esperienza al circolo di Thiene si trasferisce, nel 1994, in quello di Schio, dove nel 2000 entra nel direttivo. Dal 2003 ricopre la carica di delegato provinciale FIAF, che nel 2007 gli ha conferito l’onoreficenza di “Benemerito della Fotografia Italiana” (BFI).

Ha partecipato a vari concorsi fotografici, arrivando spesso nei primi posti, ed ha realizzato varie mostre personali e collettive . La sua ricerca è costante e riguarda il campo della fotografia a 360°. Particolare oggi è l’interesse per la fotografia digitale e tutte le infinite frontiere creative che essa offre.

Il suo sito è http://www.giuseppesantamaria.com/seconda.htm

Annunci

Un commento su “Vetri infranti

  1. Pingback: Panic jazz | Circolo Fotografico Scledense BFI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 31/10/2015 da in Gallerie con tag , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: